somministrazione endovena

Regole base:

  • garantire un’appropriata procedura asettica
  • sostituire i set di infusione ogni 72 ore, in assenza di complicanze;

entro 24 ore dopo NPT; ad ogni sacca dopo sangue ed emoderivati

limitare il numero di rubinetti

  • Educare il paziente a non far entrare in contatto la linea di infusione con superfici sporche

EV - materiale  occorrente

  • soluzione endovenosa da somministrare
  • deflussore
  • prolunghe /rubinetti
  • ventuale pompa infusionale
  • guanti e garze
  • etichetta ( per annotare eventuale aggiunte di farmaci )
  • supporto estendibile e gabbietta

ESECUZIONE

  • introdurre la punta del deflussore nel gommino perforabile della flebo chiudere il morsetto regolatore di velocità, spostandolo verso il basso
  • inserire la flebo nell’apposita gabbietta
  • riempire la camera di gocciolamento comprimendola con 2 dita
  • riaprire il morsetto e far defluire il liquido, fino alla completa fuoriuscita dell’aria dal deflussore e richiuderlo
  • svitare il tappino dall’ago cannula, premendo sulla punta della cannula con l’altra mano, per evitare la fuoriuscita del sangue
  • connettere l’adattatore del deflussore al raccordo dell’ago-cannula
  • allentare il morsetto regolatore di flusso, finchè non si raggiunge la velocità desiderata
  • se si dispone di una pompa infusionale, munirsi dell’apposito deflussore ed impostare la velocità d’infusione e la dose limite, come da prescrizione medica
ingrandisci
ingrandisci

precauzioni

  • Se il liquido non scende, provare a spostare leggermente l’ago cannula (potrebbe essere a parete)
  • Rispettare i tempi di sostituzione del deflussore
  • Se il paziente riferisce dolore / bruciore o presenta eritema locale, interrompere immediatamente l’infusione ed avvertire il medico
  • Al termine dell’infusione, eseguire un lavaggio dell’ago-cannula con soluzione fisiologica 1-3 ml. ( NaCl al 9% adatta per EV )

Scrivi commento

Commenti: 0