trombosi e coagulo

Col termine COAGULO, s'intende la trasformazione di una massa solida o semi-solida fuoriuscito dai vasi del vivente.

La COAGULAZIONE intravascolare nel vivente è sempre un fenomeno patologico definito col termine :

TROMBOSI, nel corso del quale si formano masse solide dette TROMBI, che aderiscono alla parete vascolare.

I fattori eziologici della trombosi vennero definiti da Rudolph Virchow alla fine dell'ottocento, tramandati come la TRIADE di VIRCHOW:

  • anomalie dell'endotelio vascolare ( lesioni aterosclerotiche )
  • alterazioni locali della corrente sanguigna, in termini di quantità, forza,direzione, in particolare rallentamento della velocità del circolo del sangue.
  • alterazioni della composizione del sangue, in particolare aumento della capacità coagulativa.

In condizioni normali il sangue rimane fluido grazie alle componenti pro-coagulanti e anti-coagulanti. Quando il sangue fuoriesce dai vasi, viene attivato il sistema coagulativo o emostatico, grazie al quale l' emorragia viene arrestata.


Quindi se le cellule endoteliali vanno perdute in qualsiasi punto del sistema circolatorio, per processi patologici,quali, ad esempio, le lesioni aterosclerotiche, le PIASTRINE con estrema rapidità aderiscono al tessuto sotto-endoteliale che viene conseguentemente a trovarsi in immediato contatto col sangue circolante nel quale le piastrine,essendo di più piccole dimensioni e più leggere in confronto agli eritrociti ed ai leucociti, sono in massima parte trasportate in posizione periferica, risultando più vicine alla parete vascolare.


L'adesione delle piastrine al tessuto comporta la loro attivazione, aggregandosi le une alle altre, questo imbriglia anche leucociti ed eritrociti, successivamente il grumo viene rivestito di fibrina.


Sul rivestimento di fibrina aderiscono altre piastrine che inglobano a loro volta altre cellule ematiche, aumentando così il volume del trombo.


E' noto da molti anni che un farmaco di largo uso l'acido acetilsalicilico, esercita un'azione protettiva sulla formazione dei trombi.

Scrivi commento

Commenti: 0