medicazione del port-a-cath

La medicazione del Port prevede sia la medicazione della ferita chirurgica della tasca sottocutanea in cui è stato posizionato il reservoir  e del sito di inserzione del CVC, sia la medicazione del Port con ago di Huber o di Gripper inserito.

 

In entrambi i casi è necessario considerare che:

  1. la ferita chirurgica e il sito di inserzione del catetere venoso centrale devono essere controllati regolarmente attraverso l’ispezione visiva o la digito-pressione a medicazione intatta.
  2. Se il paziente presenta dolore, febbre senza altra fonte identificata, o altre manifestazioni che suggeriscono una infezione locale o una BSI, la medicazione deve essere rimossa per consentire un esame diretto del sito.

E’ preferibile utilizzare una medicazione sterile, trasparente, in poliuretano semi-impermeabile in quanto:

  • permette una ispezione immediata e continua del sito stesso; consente al paziente di eseguire le cure igieniche, avendo presente che il PORT con inserito l’ago Gripper, non deve essere immerso nell’acqua; la doccia dovrebbe essere consentita se vengono messe in atto precauzioni che riducano la possibilità di entrata di microrganismi nel catetere (cioè se il catetere e il dispositivo di connessione sono protetti da una protezione impermeabile durante la doccia).

 

Se il paziente presenta un’eccessiva sudorazione o se il sito di inserzione è sanguinante o secernente, è preferibile applicare una medicazione in garza e cerotto.

 

La necessità di mantenere una medicazione in garza dovrebbe essere valutata giornalmente e questa dovrebbe essere sostituta quando è necessario ispezionare il sito d’inserzione o quando la medicazione si presenta umida, sporca o staccata. La medicazione in garza dovrebbe essere sostituta con una trasparente in poliuretano, appena possibile.

 

Non applicare pomate antimicrobiche sul sito d’inserzione del catetere come   trattamento routinario del sito stesso.

 

Le medicazioni utilizzate sui siti di inserzione di cateteri impiantabili dovrebbero essere sostituite ogni 7 giorni, fino che il sito sia guarito, a meno che non vi sia una indicazione di cambiarla prima.

 

 

La prima medicazione della ferita chirurgica della tasca di alloggiamento del reservoir e del sito di inserzione del CVC deve essere eseguita a distanza di 24 ore dall’impianto del dispositivo, per verificare/controllare la presenza di eventuali ematomi e/o stillicidio.

 

Successivamente la frequenza di cambio della medicazione varia in base alla tipologia di medicazione utilizzata e alla stato del punto di inserzione.

 

vedi anche:  SCELTA DEGLI ANTISETTICI

                       EPARINIZZAZIONE SISTEMA PORT

Scrivi commento

Commenti: 0