dialisi 1 Nefropatie glomerulari

Le nefropatie glomerulari si possono classificare in base all'etiologia, ai caratteri anato-mopatologici ed alle caratteristiche cliniche. Si deduce, quindi, che per una stessa malattia possono esistere diverse nomenclature ma ciò nel nostro caso non riveste particolare importanza.

Ciò che bisogna precisare, invece, è che il danno ai corpuscoli renali (glomeruli) viene provocato nel 75% dei casi da processi immunologici.

A questo punto è necessario chiarire il significato di alcuni termini relativi alla classificazione delle glomerulopatie, la quale è basata sull'esame microscopico ed immuno-istologico dei reperti ottenuti mediante biopsia renale:

 

  • "necrotico"," necrosi"," necrotizzante": descrivono la morte degli elementi che costituiscono il tessuto renale.
  • "proliferazione", "proliferante": indicano un aumento del numero delle cellule glomerulari.
  • "membranosa": indica un ispessimento della membrana basale glomerulare.
  • "membrano-proliferativa": indica un aumento del numero delle cellule associato ad un ispessimento della membrana basale glomerulare.
  • "diffuso": indica il coinvolgimento di tutti i glomeruli di entrambi i reni.
  • "focale": significa che solo alcuni glomeruli sono alterati.
  • "globale": descrive l'interessamento di tutti i capillari di un glomerulo.
  • "segmentaria": indica che sono state lese soltanto alcune anse capillari di un glomerulo mentre gli altri segmenti sono intatti.

 

In base al decorso, le glomerulopatie possono essere divise in "acute", 'croniche", "progressive" o "rapidamente progressive". Le conseguenze delle glomerulopatie si possono generalmente descrivere con:

  • Alterazioni della permeabilità della membrana basale glomerulare, dalla quale dipendono l'ematuria, la proteinuria, la cilindruria.
  • Riduzione del numero dei nefroni dalla quale risulta l'ipertrofia dei nefroni residui, la progressiva insufficienza renale e le sue conseguenze.

Le nefropatie sono sia "le glomerulonefriti in senso stretto" sia le forme rapidamente-progressive come, per esempio, la sindrome di Goodpasture.

 

Nel corso di alcune malattie sistemiche può verificarsi un interessamento renale con insorgenza di glomerulonefriti dette appunto secondarie, tra queste malattie ricordiamo il LES, l'artrite reumatoide, la granulomatosi di Wegener, la panarterite nodosa, la sclerodermia e la sindrome uremico-emolitica.

 

Le nefropatie glomerulari non di rado possono insorgere anche in corso di malattie infettive, per esempio nell'endocardite, nella difterite, nel tifo, nelle infezioni virali ecc. ma, in questi casi, il decorso è quasi sempre benigno, tale che la sintomatologia della malattia di base domina il quadro

 clinico.

 

VEDI ANCHE : DIALISI 2

Scrivi commento

Commenti: 0