comunicazione e alzheimer

di Alessandro Adduci©

Redazione Slidetube.org

 

Come parlare e comunicare 

I malati d’Alzheimer perdono progressivamente la capacità  di capire la lingua parlata e scritta. Le persone malate fanno fatica a trovare le parole giuste, si sbagliano si confondono e questo rende difficile comunicare. 

Chi assiste deve cercare di capire quali sono i bisogni e i  desideri del malato e per aiutarlo nella conversazione deve: 

 

  • Mantenersi tranquillo, sereno e sorridente 
  • Sedersi di fronte cercare di capire cosa vuol dire 
  • Non criticare o deridere se fa degli errori 
  • Guardare negli occhi la persona 
  • Controllare che non abbia qualche problema fisico, 
    • esempio:  bisogno di andare in bagno 
  • Non urlare o usare un tono di voce troppo alto, perché potrebbe spaventarsi 
  • Cercare di capire anche attraverso i gesti
  • cercare di capire l’anziano dall'espressione del viso: 
    • È triste? Arrabbiato? Preoccupato? Ha dolore? 

L’anziano che ha questa malattia può sembrare, per gli  atteggiamenti che assume, un bambino piccolo bisognoso di  attenzioni e coccole rassicuranti; qualcuno potrebbe gradire il contatto fisico, per cui prendergli la mano o fargli una carezza potrebbe facilitare l’assistenza.

 

Alcuni malati, però, possono anche non gradire tale contatto, perciò occorre un’attenta  conoscenza preliminare, che spesso è fornita dal familiare.

Scrivi commento

Commenti: 0