anatomia colonna vertebrale

RACHIDE: con rachide si intendono le strutture scheletriche della spina dorsale e relativi muscoli.

 

LA COLONNA VERTEBRALE: si tratta della parte più estesa dello scheletro assile e costituisce di fatto l'asse mediano del corpo umano.

Come emerge dall'immagine la colonna vertebrale non è dritta, ma curva, presenta infatti ben quattro curvature:

1. LORDOSI CERVICALE: si tratta di una convessità rivolta in senso anteriore.

2. CIFOSI TORACICA: concavità rivolta in senso anteriore.

3. LORDOSI LOMBARE: convessità rivolta in senso posteriore.

 

4. CIFOSI SACRALE: concavità rivolta anteriormente.

Il passaggio fra una zona e l'altra presenta delle incurvature con angolazione abbastanza aperta, fa eccezione l'ultima curva che coincide con l'articolazione L5-S1 detta sporgenza o promontorio.

Queste incurvature presentano origine diversa: le due CIFOSI sono presenti già a livello prenatale e originano dalla necessità di adattarsi all'ambiente uterino; le due lordosi, al contrario, sono generate dallo sviluppo graduale delle capacità motorie del bambino: la lordosi cervicale si sviluppa con la necessità di alzare la testa nei movimenti a gattoni mentre la lordosi lombare si sviluppa con l'andamento eretto.

Altre curvature rispetto AL PIANO SAGITTALE sono dette SCOLIOSI e possono essere di natura patologica o fisiologica (generate da presenza di organi o dalla prevalenza di un arto superiore sull'altro).

La colonna vertebrale conserva nel suo insieme un andamento metamerico dato dalla articolazione delle vertebre una sull'altra (una struttura simile si ritrova a livello della gabbia toracica). La strutturazione della colonna si ripercuote in modo molto forte a livello della distribuzione dei nervi spinali.

A seconda delle regioni del nostro corpo che attraversano e che contribuiscono a formare le singole vertebre assumono nomi diversi:

  • REGIONE CERVICALE: corrisponde alla regione del collo ed è composta di 7 vertebre denominate C1, C2...
  • REGIONE TORACICA: corrisponde alla zona del torace e in parte anche alla regione addominale alta; le 12 vertebre che lo compongono sono denominate T1, T2...
  • REGIONE LOMBARE o ADDOMINALE: corrisponde alla regione addominale anche se non completamente, le vertebre in questo caso sono 5 e vengono denominate L1, L2...
  • REGIONE SACRALE o PELVICA: corrisponde alla regione della pelvi in particolare nella parte posteriore del corpo; in questa regione le vertebre sono fuse a formare l'OSSO SACRO; in ogni caso le ossa sono distinguibili e vengono definite con la lettera S e un numero da uno a cinque a seconda della posizione.
  • REGIONE COCCIGEA: regione terminale della colonna vertebrale è costituita di 3-4 segmenti ossei terminali fusi a formare il COCCIGE; questa struttura è fondamentale per l'inserimento dei muscoli del perineo. Le vertebre, ancora riconoscibili, vengono definite CO1, CO2...

La VERTEBRA TIPO è così formata:

  • CORPO: disposto anteriormente alla struttura della colonna, è la parte più cospicua dell'osso; si riconoscono una struttura centrale di osso spugnoso ed un anello periferico di osso compatto detto EPIFISI ANULARE.
  • PEDUNCOLI VERTEBRALI: che si sviluppano su due piani parasagittali in senso posteriore, delimitano lateralmente il foro vertebrale e sono caratterizzati dalla presenza di cavità superiori e inferiori funzionali alla creazione di FORI INTERVERTEBRALI per il passaggio di nervi e vasi.
  • LAMINA O ARCO VERTEBRALE: struttura che delimita il foro vertebrale posteriormente, di tratta di una struttura composta di due lamine che si incontrano postero-medialmente al foro.
  • DUE PROCESSI TRASVERSI che si sviluppano in senso posterolaterale e si collocano  su piani orizzontali rispetto alla struttura del corpo, originano dal punto di unione fra i peduncoli vertebrali e la lamina.
  • UN PROCESSO che si sviluppa in senso posteriore e detto SPINOSO, si dirige in senso obliquo posteriore con angolazione variabile rispetto alla struttura del corpo, origina dal punto di unione fra le due lamine che costituiscono l'arco.
  • UN CANALE detto CANALE VERTEBRALE descritto dalla sovrapposizione dei singoli fori vertebrali generati dall'unione dei peduncoli con la lamina vertebrale e il corpo in ciascuna vertebra. Si tratta del canale che contiene MIDOLLO SPINALE, un organo che si sviluppa all'interno della colonna dalla zona cervicale fino alle vertebre L1 e L2; oltre questo limite troviamo la CODA EQUINA: una struttura di nervi spinali che raggiungono le parti più caudali del corpo (sistema nervoso periferico).
  • PROCESSI ARTICOLARI: si tratta di processi presenti in numero di quattro per ciascuna vertebra, due superiori e due inferiori e si collocano al punto di giunzione fra i peduncoli e l'arco vertebrale.

Scrivi commento

Commenti: 0