Scelta della medicazione

La medicazione deve avere le seguenti caratteristiche:

  • mantenere un ambiente umido.
  • controllare l’essudato mantenendo il letto della lesione umido e la cute circostante asciutta e integra.
  • fornire l’isolamento termico e mantenere stabile la temperatura della lesione.
  • proteggere la lesione dalla contaminazione di microrganismi esogeni.
  • mantenersi integra senza rilasciare fibre né corpi estranei all’interno della lesione.
  • non causare traumi alla lesione al momento della sua rimozione;
  • essere facile da usare ed economica sul piano dei costi e del tempo.

Attualmente la ricerca non fornisce prove di efficacia conclusive in merito a quale medicazione sia la più efficace nella gestione delle LdP.

Raccomandazione:

Il panel raccomanda di creare un ambiente di guarigione ottimale avvalendosi come medicazione primaria di: 

 

  • Idrocolloidi o idrogel o film o silicone morbido per le lesioni poco essudanti o con escara.
  • Idrofibra o schiuma di poliuretano semplice o con strato di contatto al silicone o alginato per le lesioni mediamente o molto essudanti.

 

In presenza di perdita di sostanza è consigliabile riempire lo spazio vuoto con uno zaffo morbido.

 

Le modalità di fissaggio della medicazione primaria devono tener conto dello stato della cute perilesionale e della sede anatomica della lesione.

 

Proteggere le lesioni da pressione da fonti di contaminazione.

 

Le medicazioni dovrebbero essere lasciate in sede per il maggior tempo possibile in rapporto all’andamento clinico e alle specifiche del prodotto.

 

La rimozione frequente può danneggiare il fondo della lesione.