ANGINA PECTORIS

Angina pectoris

L'angina pectoris è un caratteristico dolore al torace, improvviso, severo, pressante, che si irradia al collo, alla mandibola, al dorso e al braccio.

 

Il fenomeno è causato dal fatto che il flusso ematico coronarico è insufficiente a soddisfare la domanda di ossigeno del miocardio, che porta a ischemia.

 

Lo squilibrio tra il rifornimento e l'utilizzazione dell'ossigeno può derivare da attività fisica, da uno spasmo della muscolatura liscia vascolare o da una ostruzione dei vasi sanguigni causata da lesioni aterosclerotiche.

 

Questi episodi transitori da 15 secondi a 15 minuti di ischemia miocardica non causano morte cellulare, come invece accade nell'infarto miocardico.

 

Tre classi di farmaci, da soli o in associazione, sono efficaci per trattare i pazienti con angina stabile:

  • Nitrati
  • Beta-bloccanti
  • Bloccanti dei canali calcio

Questi farmaci abbassano la domanda di ossigeno del cuore i quanto influenzano la pressione sanguigna, la frequenza e la contrattilità cardiache. Anche le modificazioni dello stile di vita e dei fattori di rischio sono importanti nel trattamento dell'angina.

 

ANGINA STABILE

L'angina stabile è la forma più comune di angina e perciò è denominata angina pectoris tipica. E' caratterizzata da una sensazione al torace di tipo urente, gravativo o costrittivo.

E' causata dalla riduzione della perfusione coronarica dovuta ad aterosclerosi coronarica. Il cuore diventa vulnerabile all'ischemia ogni qualvolta si verifichi un aumento della domanda, come quello che si ha per attività fisica.

 

ANGINA INSTABILE

Questa forma si colloca tra l'angina stabile e l'infarto del miocardio, essa si presenta con una frequenza progressivamente crescente e si manifesta con sforzi progressivamente minori.

Spesso non è correlata all'attività fisica e si presenta a riposo.

 

ANGINA DI PRINZMETAL O VARIABILE

Questa è una forma non comune di angina sporadica che si presenta a riposo ed è dovuta a spasmo delle arterie coronariche.

I sintomi sono causati da diminuito flusso sanguigno al muscolo cardiaco o da spasmo dell'arteria coronarica.

Vedi anche i farmaci per il trattamento dell'angina