PREPARAZIONE DI UN SET CHIRURGICO

AUTORI: Rossana Grande, Irma Grande

  • Policlinico Universitario Campus Bio Medico di Roma
  • Clinica Villa Valeria, Roma

FONTE: estratto dal PDF pubblico IPASVI ROMA

L’attività svolta nei blocchi operatori è fondamentale per la vita stessa dell’Ospedale che su di essa fonda gran parte della sua esistenza. In tale ottica diventa sempre più importante garantire al paziente ed agli operatori sanitari il massimo livello di sicurezza ed allo stesso tempo permettere la migliore utilizzazione delle risorse disponibili, evitando che ciò che viene utilizzato nelle sale operatorie (tempo, professionalità, materiale, ecc.) sia sprecato.

 

I set chirurgici vengono confezionati con carta Medical-Grade a doppio strato ortogonale. La carta Medical-Grade presenta normalmente dei fori nella trama e può non rappresentare un barriera assoluta contro i microrganismi.

Utilizzata in doppio strato, invece, uno ortogonale all’altro, impedisce la sovrapposizione dei fori. La durata della sterilità in armadi chiusi è di 30 giorni.

 

Altra procedura per il confezionamento dei set è quello di posizionare i ferri in “containers” confiltri (durata sterilità 30 giorni).

Al fine di definirne la composizione, i set chirurgici sono stati suddivisi in set generali e set specifici.

 

Relativamente all’ortopedia, sono stati presi in considerazione i vari casi suddividendoli e classificandoli in relazione alle parti del corpo ed ai segmenti dell’osso.

La composizione del singolo set è ovviamente oggetto di specifico protocollo.

 

Set di teleria pronti all’uso


Il sistema di copertura consiste in circa una dozzina di set base e di una certa quantità di articoli sfusi. Il sistema è abbastanza flessibile per configurarsi in relazione ad ogni procedura chirurgica.

 

Il sistema di copertura, ovviamente riutilizzabile, consiste nell’utilizzo di due materiali, laminato tessile Gore-Tex e tessuto in Proof-Tex.

 

Il Gore-Tex è un materiale estremamente assorbente ed è perciò utilizzato intorno all’area di incisione chirurgica. Il materiale, che è impermeabile, è un’efficace barriera contro i batteri pur essendo traspirante.

 

Il Proof-Tex è un materiale idrorepellente ed è utilizzato nelle aree non adiacenti al campo operatorio, scarsamente interessate da fluidi.

 

Grazie alle specifiche proprietà dei sistemi di copertura è possibile utilizzare coperture monostrato.

 

Per il confezionamento dei set, i teli occorrenti sono avvolti da un telo Prof–Tex 147 x 180.

Il confezionamento esterno del set è eseguito in conformità alle regole sulla sterilizzazione. Il set è provvisto di nastro indicatore e di una etichetta indicante il nome del set e la lista del contenuto.

 


E’ sterilizzato a vapore e dopo l’avvenuto processo di sterilizzazione, la ditta ne garantisce la sterilità per due mesi, a condizione che il set sia correttamente stoccato ed integro. Con l’utilizzo di questo sistema non sono più necessarie le pinze fissateli. I teli sono assicurati al corpo del paziente tramite l’utilizzo di nastri adesivi ipo-allergici.

 

Il nastro si trova già fissato ai teli e viene riapplicato dopo ogni utilizzo.

 

Strumenti acuminati o taglienti non devono essere messi a contatto con la teleria, per evitare tagli o rotture della stessa, con conseguente perdita dell’effetto barriera.

 

Tubi di aspirazione e cavi possono essere fissati al campo operatorio per mezzo di una sacca apposita oppure con una striscia fissatubi oppure con una pinza non acuminata.