Medicina di emergenza

il supporto di base delle funzioni vitali

Sostenere le funzioni vitali del paziente è estremamente importante qualora esse possano essere compromesse dall'insorgenza di questi 4 fattori:

  • perdita di coscienza
  • arresto respiratorio
  • arresto cardiocircolatorio
  • ostruzione delle vie aree da corpo estraneo

Secondo le ultimissime linee guida bisogna valutare immediatamente se il PZ sia in arresto cardiaco.

 

PRIORITA' DEL BLS

  • INIZIARE SUBITO LA RCP
    • LA RCP NON E' DANNOSA, ASPETTARE LO E' !!
  • La sequenza è stata sostituita da A-B-C in 
  • C-A-B : Circulation, Airway, Breathing

 

Il massaggio cardiaco immediato è l'elemento cardine di una efficace RCP.

Le evidenze scientifiche dimostrano, che nei primi

3-4 minuti dell'arresto cardiaco primario, le quantità di emoglobina ossigenata sono tali da garantire un ossigenazione ottimale a cervello e cuore, eseguendo come detto un massaggio immediato.

VALUTAZIONE DELLO SCENARIO

Se la scena non  è sicura il soccorritore NON deve entrare in azione !

 

Lo scenario non deve presentare rischi per se e per la vittima, va garantita sempre la massima sicurezza.

Controllore quindi:

  • pericolo di investimento
  • pericolo di crollo
  • pericolo di incendio
  • pericolo da inalazione sostanze tossiche
  • pericolo di elettrocuzione

OBIETTIVI CLINICI:

  • identificare stato di incoscienza
  • identificare presenza di arresto respiratorio

Criteri di Diagnosi:

  • il PZ è incosciente quando non risponde agli stimoli tattili e verbali associati.
  • il pz è in arresto respiratorio: NON respira o NON respira normalmente.