Emergenza per dissezione aortica

è una patologia vascolare acuta caratterizzata da una lacerazione dell'intima aortica, attraverso la quale il sangue penetra e determina il successivo scollamento delle pareti creando un secondo lume o falso lume. L'estensione del falso lume può essere variabile lungo il decorso dell'arteria e può riaprirsi nel vero lume attraverso una seconda comunicazione ( dissecazione AORT classica ).


QUADRO CLINICO

principale obiettivo nella gestione pratica del PZ con sospetta DA è rappresentato dalla diagnosi precoce.

PRESENTAZIONE CLASSICA

dolore lacerante acuto, intenso ed improvviso al torace o regione interscapolare

PRESENTAZIONI ATIPICHE

15% dei PZ " SENZA " dolore. Possibile esordio con sincope.



SEGNI OBIETTIVI SOSPETTI

  • assenza-asimmetria polsi arteriosi periferici
  • insorgenza di insufficienza aortica acuta
  • presenza tamponamento cardiaco
  • insorgenza di deficit neurologici focali

SINTOMI

  • dolore toracico acuto
    • isolato
    • associato a sincope
    • associato a segni di scompenso cardiaco congestizio
    • associato ad accidenti cerebrovascolari

METODOLOGIA DIAGNOSTICA

nell'immediato:

  • ecocardiogramma
  • ecocardiogramma esofageo
  • TAC del torace


ESAMI DI LABORATORIO

  • ECG ed RX torace sono utili per diagnosi differenziale per esempio:
    • embolia polmonare
    • infarto miocardico acuto
    • pneumotorace

LABORATORIO

I valori di ematocrito e di emoglobina possono essere normali o evidenziare lieve o grave anemia. Sono pertanto necessarie determinazioni seriate di entrambi.

I valori di CPK-Mb e di Troponina T di solito sono normali e sono elevati unicamente quando la dissezione occluda un ostio coronarico.

Il riscontro di ematuria può indicare la presenza di ischemia acuta o di infarto renale.

Valori D-Dimero<0,1 g/ml sono risultati utili nell'escludere la diagnosi di dissezione acuta con buona sensibilità e specificità.

APPROCCIO TERAPEUTICO

  • Sedazione del dolore: Morfina solfato, 5-10 mg EV
  • riduzione pressione arteriosa sistolica
    • beta-bloccanti-propranololo - 0.05-0.15 mg/kg ogni 4-6 ore
    • oppure ATENOLOLO - 5mg EV ogni 10 min da ripetere ogni 10 min fino alla somministrazione totale di 15mg
    • calcio antagonisti - per intolleranze ai BB
    • vasodilatatori-nitroprussiato di sodio - dose iniziale di 0.25mcg/kg/min da aggiustare i rapporto ai valori di PA, devono essere combinati a BB